Il maestro Bashmet per un problema di salute ha dovuto cedere la direzione al maestro Claudio Vandelli

Inaugurata ufficialmente l’edizione 0 del festival musicale Italia Russia “sulle vie del Prosecco”, che si apre con una piccola variante sul tema. Il maestro Yuri bashmet, costretto un giorno in più a Mosca perchè trattenuto per precauzione dai medici sotto osservazione per un problema di salute, arriva a Conegliano oggi (mercoledì 28 agosto) ma non ce la farà a prendere parte alle prove.

Per questo la direzione del Festival, su indicazione del maestro Yuri Bashmet, per onorare il tutto esaurito del primo concerto alla Chiesa di Santi Martino e Rosa di Conegliano, ha indicato nella figura di Maxim Vengerov colui che si esibirà sostituendo il grande violista russo.

Maxim Vengerov è considerato uno dei più grandi violinisti al mondo. Ha iniziato a suonare quando aveva solo quattro anni e mezzo e da bambino prodigio qual era è diventato un violinista dalla tecnica straordinaria.
Maxim Vengerov suona uno Stradivari del 1727 “Kreutzer”.

A dirigere “I solisti di Mosca”, l’Insieme vocale città di Conegliano, e le tre voci soliste Giovanna Donadini (Soprano), Raffaella Vianello (Mezzosoprano), Sara Mingardo (Contralto) sarà il direttore d’orchestra Claudio Vandelli, milanese, che ha studiato pianoforte, clarinetto e direzione d’orchestra nella sua città natale.

Allievo in seguito di Antony Pay per il clarinetto, ha seguito lezioni di direzione d’orchestra con, fra gli altri, Sergiu Celibidache e Carlo Maria Giulini.
E’ direttore ospite permanente dell’Orchestra Sinfonica di Stato “Novaya Rossiya” di Mosca.

Il concerto inaugurale, nella straordinaria cornice della Chiesa di Santi Martino e Rosa, ha registrato il tutto esaurito.