La musica classica e sinfonica di caratura internazionale tornano Sulle vie del Prosecco per l’VIII edizione del Festival itinerante di musica, enogastronomia e turismo sostenibile che animerà, da mercoledì 1 a sabato 4 settembre 2021, i più suggestivi luoghi immersi nelle Colline del Prosecco, patrimonio UNESCO.

Un vero e proprio viaggio musicale, unico e inconsueto, che, tappa dopo tappa, concerto dopo concerto, accompagnerà il pubblico in un percorso all’insegna del turismo slow, consapevole e sostenibile, che si snoda alla scoperta dei luoghi più suggestivi e meno battuti di un territorio che dal 2019 è diventato Patrimonio mondiale dell’Umanità Unesco. Accompagnati da guide esperte e appassionate, di giorno in giorno, lungo le “vie del Prosecco” che conducono al luogo del concerto successivo, si potranno scoprire le bellezze del paesaggio, le eccellenze enogastronomiche delle cantine e dei produttori locali e le ricchezze artistiche del territorio.

Un festival – o sarebbe meglio dire un viaggio – della durata di 4 giorni, realizzato con il sostegno e il contributo di Città di Conegliano, Città di Vittorio Veneto, Città di Pieve di Soligo e del Consorzio di Tutela della DOC Prosecco.

4 saranno anche i concerti in programma, ogni sera, che vedranno protagonisti grandi nomi del panorama musicale internazionale. Il cartellone – che nel corso degli anni ha ospitato giganti del calibro di Maxim Vengerov, Daniil Trifonov, Giovanni Sollima, Nikolaij Zneider, Sergei Nakariakov, Anna Tifu e Ramin Bahrami, per citarne solo alcuni – vedrà anche quest’anno la presenza, in qualità di Direttore Artistico, del violista e direttore d’orchestra russo Yuri Bashmet, gigante del panorama musicale internazionale e insignito del titolo di Commendatore della Repubblica Italiana per meriti artistici.

> > PROGRAMMA ed. 2021

Accanto a lui, l’Orchestra I Solisti di Mosca, ospite abituale delle più importanti sale da concerto di tutto il mondo, che del Festival Sulle Vie del Prosecco è affezionata “Orchestra da camera in residenza”. E ancora Laura Marzadori, giovanissima e acclamata primo violino dell’Orchestra del Teatro alla Scala, che animerà con la sua presenza magnetica il concerto di chiusura dell’edizione 2021; il violoncellista ungherese István Várdai, la flautista Silvia Careddu e Ye-Eun Choi, stella nascente del violino internazionale.

Sospesa nel 2020 a causa della pandemia, la kermesse veneta, promossa dall’Associazione Marca Musicale, torna così a proporre il proprio suggestivo e originale mix che coniuga un’offerta musicale di altissimo livello, ambientazioni uniche immerse nel fascino dei più bei luoghi delle Terre del Prosecco, dal 2019 Patrimonio mondiale dell’Umanità UNESCO e un’esperienza di viaggio all’insegna dell’enogastronomica slow e del turismo sostenibile.

Una formula che, da quest’anno, permetterà dunque al pubblico di vivere il cartellone del Festival in un vero e proprio viaggio itinerante all’insegna di camminate “lente”, tour in bicicletta elettrica, percorsi guidati di degustazione enogastronomica nelle cantine delle zone del Prosecco, soggiorni in strutture di charme e visite esclusive ai luoghi storici, artistici e culturali del territorio.

Proprio alcuni di questi luoghi faranno da affascinante palcoscenico per i 4 concerti in cartellone. Si inaugura mercoledì 1 settembre, nell’ex Convento di San Francesco a Conegliano, con I Solisti di Mosca diretti da Yuri Bashmet impegnati in un programma che unisce la verve rossiniana alla Sinfonia n. 5 di Franz Schubert, passando per il “Pulcinella” di Stravinsky, affidato alla sensibilità del violoncello ungherese del pluripremiato István Várdai.

Il programma della quattro giorni musicale proseguirà giovedì 2 settembre tra gli spazi architettonici del Duomo di Pieve di Soligo – uno dei principali luoghi artistici della provincia di Treviso – che vedrà sul palco la talentuosa sudcoreana Ye-Eun Choi, stella nascente del violino internazionale. Dalle corde del suo Pietro Giacomo Rogeri del 1710, si potrà ascoltare due Rondò, uno mozartiano l’altro schubertiano, completati dall’esecuzione dell’Ouverture da Le Nozze di Figaro di Rossini dalla Sinfonia n. 40 di Mozart, per concludere tra le sonorità settecentesche di Giovanni Battista Pergolesi, con la partecipazione dell’Insieme vocale Città di Conegliano.

Venerdì 3 settembre appuntamento presso la suggestiva dimora di epoca romana, il Castrum di Serravalle a Vittorio Veneto, tra le atmosfere boeme del compositore ceco Antonin Dvořák e le note del flauto di uno dei gli esponenti più raffinati del mondo musicale classico italiano: la flautista Silvia Careddu. In qualità di solista, protagonista anche la russa Eleanora Kostin che farà avvicinare al pubblico uno strumento per lo più utilizzato in orchestra: lo xilofono.

A chiudere l’edizione 2021 di Sulle Vie del Prosecco Festival sarà uno dei nomi più in voga del firmamento musicale italiano. All’ex-Convento di San Francesco, a Conegliano, sabato 4 settembre sarà infatti il turno della violinista Laura Marzadori, classe 1988, vincitrice a soli 25 anni del concorso internazionale per primo violino di spalla dell’Orchestra del Teatro alla Scala.

I biglietti, del costo di 18 euro (ridotto: 13 euro; ingresso gratuito sotto i 12 anni), possono essere prenotati direttamente sul sito del festival (www.proseccofestival.com), scrivendo a info@proseccofestival.com o telefonando al numero di telefono 800 802 640.