Avi Avital – Mandolino

foto_ AVI AVITAL 1

AVI AVITAL è celebrato internazionalmente per le sue numerose esecuzioni in rinomate sedi quali Carnegie Hall Lincoln Center a New York, la Berlin Philarmonic Hall, KKL Luzern, Forbidden City Concert Hall a Beijing e Wigmore Hall a Londra.

Ha suonato come solista assieme alla Israeli Philarmonic Orchestra, i Pomeriggi Musicali di Milano, la San Francisco Chamber Orchestra e la Berliner Symphoniker diretto, tra gli altri, da Mstislav Rostropovich, Sir Simon Rattle e Philippe Entremont. Avital ha collaborato a lungo con artisti come il clarinettista Giora Feidman, il soprano Dawn Upshaw ed il compositore e trombettista Frank London.

Ha inoltre partecipato ai festival musicali di Tanglewood, Luzern, Spoleto e Ravenna. Avi Avital è il primo mandolinista a ricevere una nomination ai GRAMMY nella categoria “Migliori solista strumentale” (2010) per la sua registrazione del concerto per mandolino di Avner Dorman (Metropolis Ensemble/Andrew Cyr).

Ha inoltre vinto numerose competizioni e riconoscimenti, quali il premio tedesco ECHO per i suoi lavori con David Orlowsky (2008) e la AVIV Competition (2007), la più importante gara nazionale per i solisti israeliani.

Nato a Be’er Sheva nel 1978, in Israele, ha cominciato a suonare il mandolino all’età di otto anni per poi unirsi alla giovane orchestra di mandolini fondata e diretta dal suo carismatico insegnante, il violinista russo Simcha Nathanson. Si è in seguito diplomato all’Accademia Musicale di Gerusalemme e al Conservatorio Cesare Pollini di Padova, dove ha studiato il repertorio originale per mandolin con Ugo Orlandi.

Avital ha pubblicato numerose registrazioni in un’ampia varietà di generi, passando per il klezmer, il barocco e la musica classica contemporanea. Attualmente registra esclusivamente con la Deutsche Grammophon e il suo debutto (2012) conteneva la personale trascrizione del Concerto per arpa e violino di J. S. Bach, arrangiato per mandolino e orchestra. Il suo disco successivo includerà composizioni di musica da camera di Ernest Bloch e De Falla, fino a musiche tradizionali bulgare e sarà rilasciato agli inizi del 2014.

Da evidenziare le recenti esibizioni alla Schleswig-Holstein Musik Fest e Aspen Music Festival, Yo-Yo Ma’s Silk Road workshop su una nuova composizione di David Bruce, “Avital incontra Avital”, una fusione di numerosi generi con l’artista jazz Omer Avital al Musikfest di Brema e al Jewish Culture Days Festival a Berlino, oltre a ingaggi con la San Francisco Chamber Orchestra, Oxford Philomusica and Potsdam Kammerakademie.

Ulteriori impegni includono i Concerti con l’Orchestre National de Montpellier, la Taiwan National Symphony Orchestra, la Potsdam Kammerakademie, la Philarmonischer Kammerorchester Berlin, e tour con la Brandeburg Orchestra in Australia e con la Geneva Chamber Orchestra in Europa, incluso il teatro di Chatelet a Parigi e il King’s Place a Londra. Future esibizioni solistiche si svolgeranno invece alla Vancouver Recital Society e al Carnegie Hall Presents (Weill Hall).

Elogiato dal New York Times per la sua “splendida sensibilità di esecuzione” e “straordinaria agilità”, Avi Avital, mandolinista nominato ai Classical Grammy Awards, rappresenta sicuramente uno dei più emozionanti ed intraprendenti musicisti sul panorama mondiale, impegnato nel tentativo di creare un nuovo lascito per il mandolino tramite interpretazioni virtuose che spaziano attraverso numerosi generi.