COMUNICATO STAMPA

Notevole l’interesse straniero, con  il 15% delle presenze. Grande attenzione da russi, inglesi e americani.

Dopo 3 concerti il Festival musicale internazionale “Sulle vie del Prosecco“ è vicino alle 1.000 presenze totali, confermando la sua natura popolare. Il pubblico, dal canto suo, conferma l’interesse per questa manifestazione. Rilevante anche l’entusiasmo dei media russi per il festival che coinvolge il violista russo Yuri Bashmet, con citazioni dell’evento da parte della TASS (l’ANSA russa), Tvkultura, il quotidiano economico Vedomosti, la radio e tv di stato russa Muzcentrum e le rivisite Planet-Today e Expert.

Ieri sera si è instaurato il dialogo a distanza tra il maestro russo Yuri Bashmet ed il flautista Massimo Mercelli, impegnati in contemporanea nei due concerti della seconda serata del festival. Bashmet, insieme con l’ensemble d’archi dell’Orchestra “I Solisti di Mosca” ha completato l’incantato per un pubblico già affascinato dall’atmosfera della location del concerto, Villa Lucheschi Valforte a Colle Umberto. Buona la partecipazione anche a Valdobbiadene, una delle nuove sedi dei concerti, nella chiesa di S. Pietro di Barbozza, con Mercelli impegnato con il quartetto d’archi dell’Orchestra “I Solisti di Mosca”.

Ora il festival si accinge ad entrare nel vivo, con un’escalation da oggi a domenica. Questa sera, nella città del violino, Vittorio Veneto, per la prima volta un concerto nel Parco del Castello del Vescovo, con l’interpretazione dei violinisti Laura Bortolotto e Nikita Borisoglebsky. Venerdì, il ritorno del festival a Follina per il melange tra arte e musica, con le emozioni della sand performer Anna Vidyaykina, che disegnerà sulla sabbia a commento della musica del violinista danese Nikolaj Znaider e l’Orchestra “I Solisti di Mosca”, diretti dal maestro Yuri Bashmet.

Sabato, per la prima volta del festival a Treviso nella chiesa di San Francesco, il festival si arricchisce con il mandolino di Avi Avital, fresco vincitore del premio Echo Klassic come concerto registrato dell’anno, e con il fagottista Paolo Carlini. Si avvia al sold out il concerto di chiusura, domenica 30 a Conegliano nell’ex Convento di San Francesco, con la partecipazione del pianista Ramin Bahrami, il violoncellista Giovanni Sollima e il mestro Yuri Bashmet alla guida della sua Orchestra “I Solisti di Mosca”.

Nel weekend anche le masterclass aperte gratuitamente a tutti gli studenti delle scuole di musica del territorio. A Palazzo Sarcinelli a Conegliano, sabato 29 il primo violino Andrey Poskrobko e il primo violoncello Alexei Naydenov, entrambi componenti dell’Orchestra da camera “I Solisti di Mosca”, saranno a disposizione dei giovani musicisti per una lezione alla scoperta dei segreti dei due strumenti. Domenica 30 agosto, invece, sarà la volta del pianista iraniano Ramin Bahrami, protagonista del concerto di chiusura del festival, e del fagottista Paolo Carlini. Per info e prenotazioni master@proseccofestival.com.

ProseccoFestival_pubblico_San_Martino

ProseccoFestival_Insieme_Vocale_Città_di_Conegliano

Pubblico

IMG_1085